Quanto pesano i contenuti: il copywriting

Home / News / Quanto pesano i contenuti: il copywriting

copywriting Il lavoro di comunicazione ha molte facce diverse: per ottenere una campagna efficace, bisogna svolgere in sinergia numerose operazioni  contemporaneamente. Una di queste facce è molto importante, ma per così dire “silenziosa”; è solo quando non funziona, o manca, che si nota la sua assenza.

Stiamo parlando del copywriting, quel lavoro di creazione, revisione e cura dei contenuti di ogni fase della campagna di comunicazione.Un testo, un post o un comunicato ben assemblati sembrano semplicemente il normale stato delle cose. Ma se uno di questi è poco curato, o scritto senza competenze, si nota subito. Un testo poco funzionale risulterà di nessuna utilità al lettore, vanificando ogni altro sforzo di comunicazione o persuasione.

Scrivere contenuti di qualità è un lavoro impegnativo. Scriverli per il web ancora di più, perché bisogna avere ben chiare le restrizioni del mondo online, le abitudini dei lettori e le dinamiche SEO. Solo affidando il lavoro di copywriting ad un professionista qualificato si potrà avere la certezza di realizzare contenuti funzionali e di qualità.

Vediamo, con un esempio pratico, cosa significhi esattamente realizzare contenuti di qualità.

L’esempio

La Salumeria di Bruno e Franco, gastronomia tradizionale bolognese, si è rivolta a noi di ABC Marketing per un restyling completo del sito, in occasione dei 30 anni dell’attività. Per via delle numerose attività svolte dal negozio, che vanno dalla vendita dei prodotti  all’organizzazione di corsi di cucina, il lavoro di copywriting è stato lungo e laborioso. Abbiamo diviso l’iter di produzione dei contenuti in 4 punti principali: per ogni punto si parte da un concetto generale, poi applicato nel contesto particolare de La Salumeria.

 

L’iter

  1. Organizzazione: prima di cominciare, è necessario avere uno schema dei contenuti. In sostanza, dove saranno posizionati, come e a quale distanza l’uno dall’altro. Nel caso di un sito web, serve innanzitutto un’idea ben chiara del menu e delle singole pagine. Una volta organizzato lo “scheletro” del sito, si può procedere al riempimento. Per La Salumeria questa fase è stata particolarmente importante, perché il sito avrebbe avuto un impianto molto corposo. In totale, tra pagine genitore, articoli e schede prodotti, il sito si è articolato in quasi 60 pagine. Ma l’oggettiva quantità dei testi da scrivere non è stata la difficoltà maggiore.copywriting
  2. Stesura o editing dei contenuti: aggiustare contenuti già esistenti non richiede un grande lavoro di ricerca; al contrario, scrivere testi nuovi vuol dire innanzitutto documentarsi accuratamente sull’argomento. Per La Salumeria si sono presentati entrambi i casi, e in entrambi i casi, è da ricordare, uno dei punti più importanti è l’attenzione all’ottimizzazione SEO. Keywords accuratamente scelte e posizionate al posto giusto, tag e description coordinate.
  3. Controllo: una volta redatti, i testi passano in revisione al cliente. È qui che si vede l’importanza del lavoro di documentazione: migliore ricerca, meno correzioni da parte del cliente, meno tempo impiegato a correggere in seguito. E soprattutto, bella figura col cliente.
  4. Eventuali correzioni e pubblicazione: riportare gli aggiustamenti o le preferenze del cliente e procedere alla pubblicazione, senza dimenticare un editing adeguato alla pagina di destinazione del testo. Si parla, in questo punto, anche di attenzione alle immagini: qualità, quantità, grandezza. In genere, testo e immagini dovrebbero essere bilanciati: tanto più testo, tante più immagini, e viceversa. Questo è utile sia da un punto di vista SEO che di mera fruizione del sito. Il testo inframmezzato da immagini, infatti, risulterà più leggero e piacevole da leggere.

 

Ecco dunque in cosa è consistito il lungo lavoro di copywriting riguardante La Salumeria di Bruno e Franco. Ne è risultato un sito completo e di reale utilità per l’utente, grazie anche ai numerosi accorgimenti tecnici aggiunti, come la possibilità di prenotare i prodotti o iscriversi ai corsi di cucina.

Come agenzia di marketing e comunicazione, abbiamo curato anche il restyling del logo e l’evento organizzato per festeggiare i trent’anni dell’attività. Il lavoro di grafica riguardante queste attività è stato non meno impegnativo del sito, ma non trova posto in questo articolo, focalizzato sul copywriting.

Ma la difficoltà più grande da superare è stata senza dubbio una: resistere alla fame mentre all’ora di pranzo si deve scrivere di prosciutti e tortellini!